Search Engine Tracking Software Review 2017

As we all know Google is the biggest search engine while the other following search engine Bing, Yahoo and Baidu. So in order to succeed online, your website needs to be ranked on the front of Google. SEO rank tracking is one of the essential elements for SEO. The search engine serves millions of users per day who are searching about their queries of looking for something. SEO is very important for smooth running of the website. Those websites who are having more than one author can get benefit from SEO in a direct and indirect way. SEO is helpful in increasing search engine traffic and it’s also good for social promotions of your websites.

Here I am going to tell about top SEO ranking software

RANK TRACKER

Rank tracker has two formats, rank tracker pro which is a specially designed for bloggers, websites owners and webmasters and the second format is rank tracker enterprises which is designed for SEO professionals and SEO companies. Rank tracker is the top and most trusted software for tracking keyword ranking across the multiple websites.

The software is designed in a way that it can easily track daily keyword performance in real time and analyze competitors. The rank tracker can significantly boost productivity and help you to identify opportunities.

SE RANKING

SE ranking is an online tool for search engine rank tracking. It gives 100% accurate keyword positions tracking and allows ranking on a country/region/ city level. It helps in monitoring and controlling all the backlinks in your websites and it delivers about 15 key parameters per link. This is one software and it’s capable of managing everyone’s needs whether you are independent webmasters or a large company.

Userlytics

User testing Websites and Mobile Apps for better User Experience. Video in Video live & recording to see why your users do what they do. Use Userlytics to increase usability with a better UI and UX of your website and app.

SERPs

SERPs can track thousands of keyword for multiple search engines and languages at multiple devices and multiple locations. This software is completely web based and it enables users to track their website rank by creating an online account. It automatically imports ranking data directly into spreadsheets to create your own custom dashboards and analysis.

SERPFOX

Serpfox is one of the oldest rank trackers and it’s also one the highly trusted technology that is capable of providing the most accurate data possible. It can make reports on a schedule with many different formats. Serpfox is fast software that can retrieve your data in seconds.

MOZ RANK TRACKER

Moz is an excellent rank tracking software. It can retrieve search engines ranking for pages and keywords and later store them for easy comparison. Moz is built to support tracking with Google, Yahoo, and Bing. Moz can successfully check the performance of keywords in 200+ countries.

AUTHORITY LABS

The thing that differentiates authority lab with others rank tracking software is that it allows tracking search engine ranking on daily basis. It can check both local ranking and other “not provided” keywords ranking.

 

REFERENCES:
http://www.johnnychenseo.com/

http://cuterank.net/

http://www.bestshareware.net/software/cuterank-pro-windows.htm

 

 

SEO: Weighing the Pros and Cons

SEO or search engine optimization is turning into one of the most effective ways to market a company on the web. It uses algorithms and tools so that a particular website using SEO will end up on the top of the list of websites for a particular search. This is one of the ways by which search engines such as Google, Yahoo, and Bing rank websites.

But while search engine optimization in Houston is becoming quite famous as well, is there anything companies should be wary of? Would SEO be beneficial to all the companies that use them? To be able to know whether your website needs SEO, here are some pros and cons that will guide you to make the right decision.

Pros of using SEO

  1. It presents your website as a solution to people’s searches

When someone does a search, there is a 33% chance that they will click on the first few websites appearing in the search engine results page (SERP). If your website is up there, then there is a high chance that you will be visited and that you will be visible enough for them to take note of.

  1. It makes you the leader in certain searches

When your website is recognized because it always appears on searches, then you become a trustworthy name in a particular niche. This way, you can also get people to actively go to your site because they know that you are a credible source of answers for their queries.

  1. It is much cheaper than other digital marketing methods

Compared to pay-per-click ads and social media managing, SEO is much cheaper. Because it has a steady stream of people who search, rest assured that you will not run out of people to go to. All you need is a little bit of money to make your website stand out among other websites in the same category.

Cons of using SEO

  1. Results are not immediate

When you apply SEO tools, do not expect that it will be effective right away. You should first have a good online presence and a name in a certain niche before you end up at the first page of the SERP.

  1. It is difficult to compete with other known brands

This is pretty obvious because, for example, you search for a product using Google. The first few websites would probably be Amazon or eBay since they are already the known websites for product searches. Competing with these brands is difficult and if you haven’t developed your own brand with a good support base, it will definitely take time before you end up above those websites.

  1. You can never fully control the search results

Even if you use different SEO tools and hire the best search engine optimization in Baton Rouge, you still cannot fully control the results page. Search engines like Google have their own algorithm that determines which comes up at the top and no amount of money can have it your way unless you make use of a paid advertisement method (which is not very effective either). The solution for this is to stay up-to-date with the changes in the algorithm and adjust the SEO techniques accordingly.

Credit to Impactnext for the information provided in this article.

I nostri tempi e la tecnologia

Cos’è veramente la tecnologia? L’internet, i social media la comunicazione istantanea? Sì, ma c’è una filosofia al di là di questo. La tecnologia moderna ha guadagnato spazio nella scienza, nella società e nell’essere. Ma lei aiuta o rende più difficile la formazione? Noi la creiamo e controlliamo oppure lei ci ricrea e ci controlla? Siamo quelli che veramente siano nella tecnologia? O siamo dei prigionieri?

 

La parola tecnologia, etimologicamente, in modo semplice, è la fusione dei termini greci tekhne e logos. Tekhne non era, per i greci, la tecnica in senso ridotto. La tekkhne voleva dire non solo la pratica, ma la conoscenza sottostante la prattica, la disciplina relativa ad un’attività, compresa quella artistica. Già il termine logos voleva dire qualcosa come discorso, descrizione, studio, testo. Sarebbe la parola, il verbo, insomma, la parlata, il discorso proveniente dallo studio, dalla riflessione sull’oggetto. Tecnologia, allora, o “il logos della tekhne” sarebbe la descrizione, il discorso sulla tecnica e sull’arte, viste come la conoscenza dell’essenza, come idealizzazioni.
Il greco pensava alla Tekhne come conoscenza, una disciplina. E ‘stato l’obiettivo da raggiungere, l’ideale della produzione prima dell’attività. Già l’attività pratica, la produzione, era poiesis, e non sarebbe mai stato una copia perfetta della Tekhne. Il Tekhne era l’obiettivo teorico di produzione, che trascendeva il reale e il possibile.
Il pensiero moderno, che sorge con il Rinascimento e nei suoi principali esponenti come Bacon e Descartes, avviando nel contempo la questione del “sogno tecnologico”, un modo di vivere che faciliterebbe la ricerca della felicità e della conoscenza, paradossalmente lo esaurisce. La tecnologia viene fondata come una scienza, trionfa sui valori e finisce per acquisire valore di per sé, un valore assoluto e feticistico. Questa concezione moderna non confonde solo la scienza e la tecnica, ma la scienza, la tecnica e l’essere, perché la tecnica e le sue richieste diventano guide delle nostre azioni come una società. Scienza e tecnica si fondono e si confondono.
Nel suo “Discorso sulle scienze e le arti”, il filosofo Jean-Jacques Rousseau prova a dare un responso alla domanda: in dubbio se il restauro delle scienze e delle arti, a suo tempo, il XVIII secolo, contesto storico che conosciamo come la modernità, ha contribuito alla purificazione dei costumi. Rousseau risponde con enfasi negativamente perché, secondo lui, la scienza e le arti moderne non sostengono o non contribuiscono alla formazione di un uomo virtuoso.
Rousseau chiarisce, durante il discorso che la sua concezione della virtù è vicina a quella che aveva il filosofo Socrate nella Grecia antica. Credeva soprattutto nella virtù professata da Socrate. Nominandolo come uno dei pochi studiosi che hanno resistito ai vizi, Rousseau dimostra, nello stesso discorso, come Socrate ha criticato le persone che si consideravano saggi, e, quando sollecitati, non riuscivamo a dimostrare la loro conoscenza o arte, diventando così come i peggiori ignoranti.
La voglia di sapere della società, lo sforzo di cercare la conoscenza serve per stupire gli uomini, portare questa dipendenza dal potere, potenziare la scienza e le arti come re, che ci mette in come soggetti o schiavi. Rousseau, come Socrate, è convinto che la verità non può essere concepita, e che se il desiderio di farlo è ancora più vero e filosofico, deve iniziare con il riconoscimento che non si sa nulla e che la ricerca sarà infinita.

Il tipo di mentalità tecnicista che ha fondato la conoscenza moderna, il materiale scientifico diventa conoscenza dimostrabile da prove pratiche. Cioè, la conoscenza teorica può essere giudicata giusta o vera se così dimostrato nella pratica umana. Questo tipo di mentalità stabilisce la consapevolezza del soggettivismo e rende il sapere, prima libero, ostaggio dell’uomo. L’uomo nel moderno discorso positivista, ora è “libero”, ma solo se si seguono regole o metodi pratici ben delineati. Cioè, una libertà illusoria. Questo l’uomo moderno può dimostrare quello che crede o desidera che sia vero dall’esperienza e cos’ poter dire che ha dimostrato la verità. Vale a dire, il reale e la natura diventano gestibili, controllabili dall’uomo.
Ora, in questo contesto, l’uomo diventa padrone del mondo. Dopo tutto, non è questo il desiderio dell’uomo moderno? Ma questa libertà ha molti limiti, e questi limiti finiscono per prendere possesso di essere, nello stesso modo e nella stessa misura in cui l’uomo cerca di prendere possesso della natura.
La tecnologia moderna e contemporanea è il più grande esempio di questo e ora diventa il luogo di questo errore concettuale. Se essere non più può apparire, quel che compaiono sono le rappresentazioni. Si forma lo spettacolo. Lo spettacolo sociale è l’evoluzione della rappresentazione. La società moderna, soprattutto dopo il consolidamento della mentalità capitalistica sviluppa le sue rappresentazioni a vivere per loro. È il trionfo totale della tecnica sull’essere. Nella società del capitale, essere un cittadino non è virtù. Il “virtuoso” e “felice” individuo è quello che ha ricchezze accumulate, per lo più “innovazione tecnologica” e denaro.
La vita sociale finisce allora su un grande palcoscenico dove gli attori – gli uomini – rappresentano una sorta di tipo perverso, in continuazione, cercando gli applausi, la soddisfazione di se stessi e del pubblico. Si deve rappresentare per piacere, perché solo così sarà considerato, che è diventata la felicità stessa. Con la tecnologia moderna completamente legata all’ideale della vita, la tecnologia diventa, come detto, anche il luogo dell spettacolo. Il lettore attento, a leggere questo, certo, ricorderà di alcune pagine di Instagram, alcuni messaggi su Facebook o l’incredibile mania dei tali selfie. I social network sono piccoli nodi di una rete di grandi dimensioni. Ma dicono molto su questo paradigma filosofico che incontra la tecnologia e la società.
Già superato il vecchio cliché “avere è più importante che essere.” Oggi, vediamo che più di valorizzare l’avere, lo sforzo è “neanche avendo, sembrar avere.” Guarda a caso la professione di consulente SEO.
La domanda viene senza sforzo: c’è una via d’uscita? Sembra impossibile che emergano “nuovi Socrate”, ma allo stesso tempo è impossibile continuare a vivere nella rappresentazione del mondo tecnologico. Quale strada? Continuo a credere che la speranza risiede nello sviluppo umano. La contraddizione è presente in tutto il processo dello spettacolo. E nel campo della formazione, è presente in modo più intenso. Questo stesso processo può portare dentro di sé il suo opposto.
Cosa manca? Lo stimolo formatore, la forza educativa che dimostri che la tecnologia è creazione umana e può agire partendo da altre basi. Dobbiamo pensarci bene, recuperare la dimensione filosofica, etica e politica della tecnologia.
Quando la desiderata libertà si trasforma in nuove carceri, l’essere continua ancora eclissato, con la sua luce oscurata da una grande ombra, come nella caverna di Platone. In effetti, questa è la conclusione che possiamo raggiungere: ancora abitiamo la grotta del mito di Platone. Un’altra grotta, ora con la luce artificiale, TV e aria condizionata. Una grotta piena di tecnologie che la rendono nostra dimora al suo interno, e per facilitare la nostra visione guardare le ombre. Cosa fare? Ruotare il collo, verso la luce.
E ‘sempre più necessaria un reinvenzione filosofica della tecnologia.